08 settembre 2007

Non sarà fine, ma è vero...

La lingua italiana contiene molte sottigliezze stupefacenti. Tanti termini assumono significato diverso se riferiti ad una donna invece che ad un uomo...

Cortigiano: un uomo che vive a corte
Cortigiana: una mignotta
Massaggiatore: un kinesiterapista
Massaggiatrice: una mignotta
Professionista: uno che conosce bene la sua professione
Professionista: una mignotta
Uomo di strada: un uomo duro
Donna di strada: una mignotta
Uomo pubblico: un uomo famoso, in vista
Donna pubblica: una mignotta
Segratario particolare: un portaborse
Segretaria particolare: una mignotta
Uomo facile: uno con il quale è facile vivere
Donna facile: una mignotta
Intrattenitore: un uomo socievole
Intrattenitrice: una mignotta
Adescatore: un uomo che coglie al volo persone e situazioni
Adescatrice: una mignotta
Un uomo disponibile: gentile e premuroso
Una donna disponibile: una mignotta
Un cubista: un uomo che dipinge

6 commenti:

Azzeccagarbugli ha detto...

No scusa. C'è una categoria intrusa secondo me.

Eh.

:)

sempreio ha detto...

Mi scuso ancora.

Ne ho trovato un'altra!

:)

logiurolultima! ha detto...

Mi spiace ma volendo anche pignoleggiare (e neanche poi tanto) ce ne sono almeno altre due.

Eh.

:)

Matteo Mazzoni ha detto...

@azzeccagarbugli, sempreio e logiurolultima!: spiegati meglio, non ho capito dove ho sbagliato...

rosadimaggio ha detto...

Ma certo! Farti notare quando sbagli è come un invito a nozze per me!

:DD

Professionista: non è chiaro di cosa. Dire che una donna è una professionista non significa che è una mignotta.

Donna pubblica: in che senso? Vedi sopra

Segretaria particolare: è un ruolo lavorativo. Stop. Tuttalpiù questa può essere una mignatta!

Intrattenitrice: non è detto che sia (vedi sopra)

Una donna disponibile: anche io sono una donna disponibile al dialogo, per esempio, ma non sono una mignotta!

Una cubista: una ragazza che lavora in disco? Non è automaticamente una mignotta!

Tutta una questione di fraintendimenti...

:)

Matteo Mazzoni ha detto...

@rosadimaggio: è chiaro che non si parla dei veri significati delle parole... Però pensaci bene... Quando si dice che una donna è una professionista, spesso si intende parlare della più antica professione del mondo :-) "Segretaria particolare" si dice spesso con una strizzatina d'occhio... Quando si dice che una donna è disponibile, spesso si intende che sia disponibile ad andare a letto con questo e quello... Prova a dire a qualcuno che sei disponibile e vedi le reazioni... E quanto alle cubiste, sarò un moralista, ma mi viene un po' difficile pensare che siano virtuose fanciulle... Il problema è uno solo: il linguaggio comune è improntato in senso maschilista, per cui l'espressione più innocente può risultare degradante se è applicata a una donna...