17 gennaio 2008

Ancora sul Papa e la Sapienza

ROGO LAICO PER IL PAPA di VITTORIO FELTRI
da Libero 16 gennaio

I laicisti (che fa rima con comunisti) cantano vittoria dopo aver appreso che la visita del Papa alla Sapienza di Roma, in occasione del via all'anno accademico, è stata annullata in seguito alle «note polemiche». Hanno accolto la "lieta novella" con grida e cori di giubilo, e non si rendono conto di aver fatto, invece, una meschina figura. Gli oscurantisti sono loro, non il Papa. Gente incapace per formazione culturale e politica di rispettare altre idee all'infuori delle loro, ammesso ne abbiano una oltre all'anticlericalismo ottocentesco. L'episodio di intolleranza contro il Pontefice conferma che il Sessantotto, di cui ricorre il quarantesimo anniversario, non è finito, e che fra studenti e professori continua un'alleanza avversa al liberalismo, al confronto delle opinioni. Stupisce che le ostilità al Papa siano cominciate in una facoltà scientifica frequentata da persone interessate - almeno si supporrebbe - a studiare e a ricercare, evitando sterili speculazioni politiche estranee a chi abbia trovato nella scienza un motivo di vita. Ma tant'è. Come il rettore ha annunciato l'invito a Ratzinger sono scoppiate le contestazioni. Un gruppo di docenti di fisica ha scritto una fatwa in puro stile Bin Laden, e gli studenti, notoriamente inclini al conformismo, ne hanno approfittato per occupare, minacciare sfracelli eccetera. Cose già viste in passato e che non hanno prodotto nulla di buono. Quindi siamo al replay e ciò non induce all'ottimismo circa il futuro delle sgangherate università italiane. Da sottolineare che alla Sapienza sono impegnati suppergiù duemila professori. Nessuno ha fiatato per criticare il plotoncino degli antipapisti. Sicché la sala stampa del Vaticano ieri ha diramato un comunicato col quale si chiude - male - la vicenda. Il Pontefice non andrà dove non è gradito, tuttavia invierà il discorso che aveva in animo di pronunciare alla cerimonia inaugurale. Il documento sarà letto? Forse sì. Però, dati i preliminari, temiamo sarà accolto da fischi tali da impedirne al pubblico la comprensione. Vedremo. Non è da sottovalutare il silenzio delle istituzioni, interrotto solo da vuote dichiarazioni di circostanza. Sarà per l'imbarazzo, sarà perché la maggioranza è sbilanciata a sinistra, sarà quel che sarà, è un fatto che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano - fino a questo momento non ha speso un aggettivo a favore di Ratzinger, tra l'altro capo di uno Stato straniero, il primo al quale in Italia sia stato tolto il diritto di parola. Quasi zitto anche il presidente del Consiglio Romano Prodi, cattolico per propria ammissione. Zitti i presidenti di Camera e Senato. Il solo ad aver usato espressioni degne di un Paese liberale, il ministro dell'Università Mussi. È davvero tutto incomprensibile. Dalle nostre parti non si nega il microfono ad alcuno: intervengono prostitute, criminali, lazzaroni impenitenti, rivoluzionari e disubbidienti, terroristi, ex brigatisti, assassini e balordi d'ogni tipo. Tutti eccetto il Papa. Il quale se profferisce verbo come minimo viene accusato di ingerenza, e se viene invitato alla Sapienza è costretto a non accettare per schivare i rigori della censura laica, democratica e antifascista. Scusate. Ci sarebbe perfino da ridere se non fossimo paralizzati dalla vergogna. Il rogo viene riacceso dagli eretici e dai miscredenti per bruciare il Pontefice. Paradossale. Quasi quasi mi dimetto da ateo.



L'unico extracomunitario senza tutela di RENATO FARINA
da Libero 16 gennaio 2008

Alla fine hanno acceso il rogo, ci hanno piazzato sopra il Papa. È una metafora, ma neanche tanto. Come titolerà il Manifesto, il quotidiano comunista, che ieri esigeva l'espul sione del Pontefice dall'università e magari da Roma? Gli suggeriamo gratis: «Museruola al Pastore tedesco». Oppure: «Il Pastore alla catena». Contenti della vostra vittoria, compagni? E anche voi professori delle leggi chimiche e fisiche? Ma siete così tranquilli? Siete sicuri di non avere lasciato per terra le prove della vostra cretinaggine? Spiace per lui, per Joseph Ratzinger, uomo candido, che pensava davvero fossimo come nei tempi pagani, quando Saulo di Tarso poteva andare all'Agorà di Atene e annunciare la follia di Dio. Risero, ma lo ascoltarono. Lo arrestarono qualche tempo dopo, gli tagliarono pure la testa. Ma prima lo udirono. Stavolta neanche. Era già chiaro da sabato come questa brace anticlericale e illiberale covasse e sarebbe stata alimentata dal vento conformista. Una lettera di ripudio di un ospite, in nome della libera ricerca la negazione della ricerca. Repubblica aveva lanciato una pagina da réclame, dando voce in questa vicenda solo ai 67 luminari capaci solo di spegnere la luce degli altri. Già si mobilitavano i no global, con le loro orecchie d'asino e la mano guantata di ferro. Domenica Libero ha annunciato l'agguato imminente, il daglial-Papa: non ci voleva del genio a prevedere le tappe successive. La Sapienza di Roma è una cittadella che si presta a sortite d'ogni genere. Ha mille porte dentro un quartiere che è un reticolo di viuzze. Bastava soffiare su quella brace ed era fatta. Il soffio vigliacco

Il soffio è stato l'atteggiamento vigliacco dei nostri leader istituzionali, che hanno lasciato montare questo clima da ucci ucci sento odor di cristianucci. I famosi quotidiani indipendenti, accanto a editoriali pensosi e favorevoli alla libertà di parola (e ci mancherebbe), sono stati fantasticamente bipartisan. Una voce per la libertà e l'altra contro. Una per il rogo l'altra no. Avevamo capito in modo diverso il funzionamento della libertà. Invece si è arrivati al punto di raccontare con garbo divertito l'idea di alcuni deficienti di voler sconsacrare la cappella universitaria versando Vin Santo. Che scienziatoni, che libertari. Che leoni. Com'è bello trattare queste infamie da giulive manifestazioni di goliardia. Davvero hanno vinto sulla volontà dello Stato questi poveretti dei collettivi studenteschi? Hanno vinto perché lo Stato non c'è, e allora chi piglia piglia. Basta vederli questi eroi della libera scienza nelle foto con le finte mitre episcopali e le battute da osteria sulla "frocessione". Questo accade dove regna la vigliaccheria sconcertante della politica, l'atteggiamento di queste autorità dello Stato, in ordine gerarchico: 1) Il capo dello Stato, Giorgio Napolitano. Secondo lui siccome l'Europa ha parlato troppo dei rifiuti di Napoli, lui tace per far vedere come si fa alle minacce contro il Papa. Silenzio ha fatto silenzio. Il Papa aspettava una parola. Un: l'accompagno io, Santità. Figuriamoci. Niente. Ora pronuncerà vibrate proteste: dopo che sono scappati i buoi chiude le stalle. Come in Ungheria cinquant'anni dopo. Era chiaro in questa vicenda come la cosa dovesse riguardarlo da subito: non era solo minacciata la libertà di espressione, il che bastava e avanzava per giustificare un'esternazione in tivù, ma c'era l'offesa a un leader religioso, anche se non è musulmano. E l'oltraggio a quella parte del popolo italiano che riconosce in quel punto bianco affacciato in piazza San Pietro qualcosa di intimo al proprio io. 2) Presidente del Senato, Franco Marini. Non pervenuto. 3) Presidente della Camera, Fausto Bertinotti. Dialoga con Chavez. 4) Presidente del Consiglio, Romano Prodi. Ha risposto per le rime e con battute sferzanti a Berlusconi. Telefona a Dini. Si è accorto del guaio dopo, come a Napoli, come sempre. 5) Il ministro degli Esteri, Massimo D'Alema. Coraggioso a seguire Atalanta-Roma. Meno audace nel difendere il Papa: non è un capo di Stato estero da tutelare? 6) Il sindaco di Roma, Walter Veltroni. Ha detto all'ultimo momento parole così tiepide da sembrare estratte dalla boule delle acque smorte per tisici. Ha proclamato rispetto per il Papa, ma nessuna parola contro chi nega la libertà. 7) Il leader dell'opposizione. Vogliamo dire che anche Berlusconi, dopo che Libero aveva lanciato l'allarme in prima pagina poteva sporgersi un attimo fuori dal perimetro delle sue antenne, oltre il perizoma delle sue badanti? Sarebbe bene non si occupasse solo della legge criminale che toglie un po' di pubblicità alle sue televisioni (orrore), ma anche di qualcosa persino (forse) più importante del fatturato Mediaset? Niente. Non una parola mentre si agitavano quanti volevano la pelliccia del Pastore tedesco. Perché zitto? Ovvio. Adesso che il Papa è stato messo al rogo, tanti piangono sulle ceneri, tutti hanno molte parole da spendere, tanti atteggiamenti da biasimare. Bravo Prodi e bravo Berlusconi. Prima no, eh? In Italia un Papa non ha potuto recarsi nell'università fondata da un suo predecessore, nella sua città, Roma, pur accettando di parlare per quarto o quinto oratore, senza nessuna pretesa di primato nemmeno intellettuale (anche se ci piacerebbe fare una gara per titoli ed esami, e anche quiz, a proposito di cultura). C'è un solo precedente, a mia memoria. Settembre 1994, quando Giovanni Paolo II dovette rinunciare ad una visita a Sarajevo. C'era il rischio di attentati. Lui sarebbe stato protetto, ma rischiava la folla. Allo stesso modo Benedetto, anzi Maledetto XVI non ha cercato la prova di forza perché non si versasse sangue diverso dal suo. La nostra polizia si sa che ha le mani legate, ma qualunque cosa fosse successo, e di certo si sarebbe cercato il morto, poi gliel'avrebbero buttato in grembo, e la canaglia avrebbe avuto un bravo giudice ad assolverla per «l'alto valore morale e sociale» dell'azione violenta, come già sancito dalla sentenza pro Luca Casarini. Cosa c'è di più alto ed etico del vietare a un Papa di inquinare l'immacolato mondo della scienza dell'Università di Roma? E pensare che nelle università italiane tengono seminari e ammirate lezioni di filosofia, storia e morale fior di brigatisti rossi, come il non pentito Enrico Finzi a Bologna (sul Petrarca, urca, che ésprit de finesse). Le fiamme del razzismo

Nei giorni scorsi si è scritto che ad aver sbagliato è il rettore: non doveva invitare il Papa; si è specificato: però, adesso che c'è, parli pure. Si noti la discriminazione. La colpa del Papa non è dunque nel suo eventuale discorso, è prima del pensiero, ma consiste nel fatto che il Papa è il Papa. Dunque non deve esserci. Più razzismo di così si muore. Infatti: al rogo. Il Papa ha deciso dopo l'occupazione del rettorato. C'è il film dell'evento da comica finale, sono cento barboni. Sono entrati e subito l'autorità ha ceduto. Ma un'occupazione è o no un atto contro la legge? È o no un reato? C'è o no una magistratura, o funziona soltanto quando le dà il permesso Repubblica? Invece di chiamare i carabinieri, il rettore ha trattato con questi clown con il cappello da similvescovo, si è messo d'accordo su quanti sputi potevano tirare al Papa giovedì, però da un po' lontano per favore. Il ministro dell'Interno dice: per noi il Papa poteva andarci lo stesso. Ah sì? Avanti il Papa e avanti i no global? In Italia passa soltanto l'illegalità, non c'è posto per chi usa la testa. Almeno la sinistra dovrebbe essere gentile per una ragione. In fondo il Vaticano è fuori dall'Unione Europea, e con gli extracomunitari bisogna essere accoglienti, vanno iscritti alla scuola materna anche se sono clandestini. Tutti, meno se uno è Papa, ed è mite e umile di cuore.



Ringrazio A.N. per questo contributo

4 commenti:

Anonimo ha detto...

bè...
commento solo il primo articolo dicendo che... per quanto sia indignato per il comportamento degli studenti della Sapienza non accetto che un imbecille del calibro di Feltri mostri la bella faccia in occasioni come questa, facendo la voce del coro dei vincenti. E' uno dei tasselli più scandalosi della stramalata informazione italiana, il suo veicolo altro non è che il giornale da lui co-diretto Libero e credo che parole come le sue non andrebbero nemmeno mai prese lontanamente in considerazione.

Matteo Mazzoni ha detto...

@anonimo: Feltri non sta molto simpatico neanche a me e la sua analisi lascia ampiamente a desiderare, però davanti a certe manifestazioni di intolleranza è apparso come una persona che ragiona (male, ma ragiona)...

RosadiGuardiaSvizzera ha detto...

Premetto che ho seguito la vicenda in maniera piuttosto marginale e non ho un'approfondita conoscenza del 1968 per poter fare un paragone con i giorni attuali.

Penso che gli studenti universitari abbiano fatto una "figura cacina" come si dice a Roma.

Il Papa ha sbagliato, doveva andare alla Sapienza, prendere quei baldi giovani uno per uno, dargli un frontino e dirgli: sveglia ceppiccone!

E poi si dice male degli ignoranti...

C'è un articolo molto bellino sull'espresso (comprato solo per la commedia del grande De Filippo) che si chiama "Il Papa ce l'ha con Del Piero". Si ironizza sul fatto che il Papa metta bocca dappertutto.

Un uomo tradizionalista, "tetesco" nelle manifestazioni d'affetto popolare, che dà le direttive giuste per essere un bravo cristiano.

Ma che noia gli dà?
Mica obbliga nessuno. Mica ti punta la pistola alla tempia...

Feltri.
Già un uomo che ragiona io gli farei un monumento.
Dire che ragiona "male" mi sembra un controsenso: esprime semplicemente un'opinione.

Chissà per quanto tempo sarà ancora possibile farlo.

:)

Matteo Mazzoni ha detto...

@rosadiguardiasvizzera: "una figura cacina"? Certamente... Quanto ai frontini, credo che sia solo una frase provocatoria... Io credo che abbia fatto bene a fare come ha fatto: "Non mi ci volete? Non ci vengo"... Io sto rivalutando gli ignoranti, almeno guardando la pseudocultura di tanta gente istruita... L'articolo dell'Espresso non l'ho letto, ma credo che tu abbia ragione: che male ci sarebbe se il Papa si esprimesse anche su Del Piero? Chissà che non capisca di calcio molto più di tanti allenatori e giornalisti sportivi... Feltri fa molte forzature che non mi piacciono, però è chiaro che ognuno deve aver diritto di esprimere il proprio parere...